giovedì 14 dicembre 2017

Domino Solutions: StMicroelectronics, italo/francesce tra i colossi dell'elettronica

STMicroelectronics NV (STM.MI), conosciuta anche come ST, è un’azienda franco-italiana, che produce componenti elettronici a semiconduttore. L’azienda è stata creata nel 1987 come il risultato della fusione delle attività semiconduttori di SGS Microelettronica (all’epoca detenuta dalla Società Finanziaria Telefonica) e dalle attività non militari di Thomson Semiconducteurs (all’epoca detenuta dalla Thomson SA). La società venne chiamata inizialmente SGS-Thomson Microelectronics NV ed ha usato questa denominazione fino al maggio 1998, quando, a seguito dell’uscita dal capitale della Thomson SA, è stata rinominata STMicroelectronics NV.

La SGS Microelettronica, all’epoca diretta da Pasquale Pistorio, è nata il 29 dicembre 1972 come SGS-Ates Componenti elettronici S.p.A. risultato di una fusione tra Società Generale Semiconduttori (1957) e ATES (1959). Il 23 aprile 1985 SGS-Ates diventa SGS Microelettronica.

La Thomson Semiconducteurs, all’epoca diretta da Jacques Noels, è nata nel 1983 (a seguito della nazionalizzazione di Thomson SA nel 1982) dalla fusione tra la
divisione semiconduttori della Thomson-CSF; SESCOSEM, fondata nel 1969 dalla Thomson-CSF e COSEM; EFCIS (Étude et fabrication de circuits intégrés spéciaux), Eurotechnique, fondata nel 1979, joint-venture tra la Saint-Gobain (51%) e la statunitense National Semiconductor (49%); Silec, fondata nel 1977 (Sagem Telecom) e la Mostek, azienda statunitense creata nel 1969 da alcuni fondatori di Texas Instruments e acquisita nel 1985.

Acquisizioni strategiche

Durante l’attività come SGS-THOMSON Microelectronics e poi come STMicroelectronics, l’azienda è stata partecipe del processo di ristrutturazione e di concentrazione dell’industria dei semiconduttori, con diverse acquisizioni e lo sviluppo e la produzione di diverse tecnologie e componenti elettronici nei settori dell’elettrotecnica, dell’informatica e dell’elettronica.

Nel 1989, SGS-Thomson acquista la società britannica Inmos, fabricante dei microprocessori Transputer destinati alla fabbricazione di processori massivamente paralleli; Inmos verrà integrata totalmente in ST nel 1994. Due anni più tardi, SGS-Thomson e Philips Semiconductors siglano un accordo di partenariato tecnologico che permette a Philips di beneficiare nel 1993 della nuova camera bianca dell’unità di R&S di SGS-Thomson a Crolles su un progetto chiamato Grenoble 92.

Nel 1994, SGS-Thomson acquista alcune attività di semiconduttori della società canadese Nortel e la fabbrica di Rancho Bernardo. Nel 2000, STMicroelectronics acquista le attività di semiconduttori della fabbrica di Ottawa, sempre di Nortel. Lo stesso anno, ST e SHIC creano la joint venture Shenzhen STS Microelectronics (60/40), con base a Shenzhen. A fine anno, la società completa la sua offerta pubblica iniziale sulle borse di Parigi e di New York. Il proprietario Thomson SA vende le sue azioni nella società nel 1998 quando la società è quotata alla borsa di Milano. Sempre nel 1998, avviene l’acquisto della britannica VLSI Vision, uno dei primi produttori di sensori di immagini CMOS.

Nel 2002, viene acquisita la divisione microelettronica di Alcatel, che, unita all’acquisizione di altre piccole società come l’inglese Synad, aiutano ST a espandersi nel mercato Wireless-LAN. L’anno successivo ST annuncia l’acquisto dell’azienda belga Proton World International (PWI) sviluppatrice di software per smart card, di proprietà di ERG Group. Nel 2005, STMicroelectronics era la quinta azienda mondiale di semiconduttori, dietro Intel, Samsung, Texas Instruments e Toshiba, ma davanti ad Infineon, Renesas, NEC, NXP e Freescale. La società era anche il prù grande produttore in Europa, davanti ad Infineon e NXP.

A maggio 2007, ST e Intel lanciano una joint venture, insieme a Francisco Partners, chiamata Numonyx. Questa nuova società è la fusione delle attività legate alle memorie flash di ST e Intel. La società è ufficialmente creata il 31 marzo 2008, e due più tardi viene venduta, per 1,27 miliardi di dollari, a Micron Technology. A fine 2007, ST ha avviato l’acquisizione della società statunitense Genesis Microchip, una società specializzata nella produzione di componenti per televisioni LCD e conosciuta per la sua tecnologia di elaborazione video (Faroudja) e che dispone di centri di progettazione situati a Santa Clara, Toronto, Taipei e Bangalore. L’operazione verrà conclusa a gennaio del 2008.

Nel 2011, STMicroelectronics ha annunciato la creazione di un laboratorio congiunto con la Scuola superiore di studi universitari e di perfezionamento Sant’Anna per lo sviluppo di robot e sistemi intelligenti avanzati capaci di migliorare sensibilmente la vita quotidiana. Il laboratorio si concentrerà sulla ricerca e l’innovazione in bio-robotica, sistemi intelligenti e microelettronica. Le collaborazioni passate con la Scuola Superiore Sant’Anna hanno incluso DustBot, una piattaforma che integrava i robot di servizio auto-naviganti per la raccolta dei rifiuti.

STMicroelectronics è oggi uno dei più grandi produttori mondiali di componenti elettronici, usati soprattutto nell’elettronica di consumo, nell’automotive, nelle periferiche per computer, nella telefonia cellulare e nel settore cosiddetto “industriale”. Ha clienti in tutti i settori applicativi dell’elettronica ed è stata riconosciuta tra le migliori aziende mondiali in termini di sostenibilità e figura quest’anno nella “A List” per la tutela delle riserve idriche e nella “A- List” per il cambiamento climatico stilate da CDP, l’organizzazione internazionale no-profit che valuta il comportamento ambientale delle aziende. Fra le 2.025 aziende di tutto il mondo valutate da CDP, la “A List” comprende il 10% delle società che nell’ultimo anno nell’ambito del programma di conservazione idrica di CPD hanno ottenuto i risultati migliori nel rendere più sostenibile la gestione delle risorse idriche.

CDP attribuisce i risultati di ST alla sua leadership, sottolineando che la Società ha implementato una serie di misure dirette a gestire il cambiamento climatico sia nelle proprie attività operative, sia nell’ecosistema della sua supply chain. Secondo Carlo Bozotti, President & CEO di STMicroelectronics, “Il processo di produzione dei semiconduttori richiede grandi quantità d’acqua con un grado di purezza molto elevato. Le problematiche legate alla scarsità delle risorse idriche e al trattamento delle acque reflue rappresentano una parte fondamentale della nostra strategia sin dal 1994. Nell’arco di 20 anni, il nostro impatto complessivo sulle risorse idriche si è ridotto di oltre il 70% grazie ai programmi di miglioramento continuo intrapresi in tutti i nostri stabilimenti di produzione; allo stesso tempo, in risposta al cambiamento climatico, abbiamo abbattuto i tre quarti delle nostre emissioni di anidride carbonica per wafer”. La responsabilità sociale è parte integrante del DNA aziendale, e ST è costantemente impegnata, in tutti i siti di produzione e attraverso tutta la supply chain, a ridurre il più possibile gli impatti ambientali e a operare come organizzazione globale e responsabile.

Solidi bilanci

Il gruppo italo-francese ha comunicato come risultati del terzo trimestre del 2017, ricavi per 2,14 miliardi di dollari, in aumento del 18,9% rispetto agli 1,92 miliardi realizzati nello stesso periodo dell’anno precedente. Su base sequenziale il giro d’affari è aumentato dell’11,1%, oltre il target del 9% indicato dal management. I vertici dell’azienda hanno precisato che l’incremento dei ricavi ha beneficiato della crescita a doppia cifra in tutti i gruppi di prodotto e al forte traino di nuovi prodotti. La marginalità si è attestata al 39,5%, valore che si confronta con il 35,8% del terzo trimestre 2016 e il 38,3% del secondo trimestre dell’anno. I vertici di STM stimavano una marginalità nell’ordine del 39%. STM ha terminato il terzo trimestre del 2017 con un utile netto di 236 milioni di dollari, rispetto ai 71 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. Sulla base del portafoglio ordini dell’azienda, per il trimestre in corso i vertici prevedono una crescita del fatturato su base sequenziale nell’ordine del 10%, equivalente a una crescita anno su anno di circa il 18%.La marginalità dovrebbe collocarsi nell’intorno del 39,9%, comportando un miglioramento sostanziale della redditività operativa dell’utile netto per l’intero esercizio.

Previsioni 2017

Sono state fornite alcune stime su STM per il 2017. Il gruppo italo-francese dovrebbe chiudere l’esercizio in corso con ricavi in aumento del 18% rispetto all’esercizio, e dovrebbe allo stesso tempo, migliorare la marginalità. Gli investimenti totali sono previsti tra gli 1,25 e gli 1,3 miliardi di dollari.

Nuove acquisizioni

Il Chicago Tribune ha invece pubblicato un report secondo il quale STMicroelectronics starebbe considerando un’offerta per Fairchild Semiconductor. Questo permetterebbe al più grande produttore di chip in Europa, di “incentivare la crescita e le attività mediante i prodotti digitali”. Fairchild, che è uno dei più antichi produttori di chip negli Stati Uniti, ha recentemente dato incarico a Goldman Sachs per aiutarla a trovare un acquirente.

STM, settore semiconduttori, migliori azioni 2018, azioni italiane, ftsemib

mercoledì 6 dicembre 2017

Social network, perchè devono spingersi verso il settore sanitario

Ormai ogni investitore è consapevole che il governo Trump vuole abrogare l’Obamacare. Una lotta che perdura da un anno e che ha portato il presidente degli Stati Uniti a firmare l’abrogazione scavalcando camera e senato che non erano d’accordo con la nuova formula del Medicaid, nemmeno quelli dello stesso partito repubblicano. Il costo sociale dell’assistenza sanitaria, che è già insostenibilmente alto, continuerà a salire. Ad esempio, si prevede che le spese del Medicare aumenteranno del 75% entro il 2025 e continueranno a peggiorare con l’invecchiamento dei baby boomer. Qui potrebbero entrare in gioco i social network.

L’unico modo per ridurre la spesa sanitaria è abbassare i prezzi e impedire alle persone di ammalarsi. Il sistema sanitario degli Stati Uniti non è un sistema sanitario; è un sistema di malattia e disabilità. Dal punto di vista del business la cosa peggiore che potrebbe accadere al sistema attuale è concentrarsi proprio sulla salute.

Ci sono molte persone ben intenzionate nell’ecosistema sanitario che lavorano per migliorarlo. Ma, a causa degli attuali modelli di business sanitario, gli attuali stakeholder organizzativi come il governo, gli assicuratori, gli ospedali, le compagnie farmaceutiche, i gruppi di medici, ecc., sono preoccupati della spaccatura dei costi (e dei profitti) e dei conflitti nei loro interessi a lungo termine.

Se la riforma sanitaria non risolverà l’assistenza sanitaria, cosa lo farà? Ecco cinque motivi per cui i giganti della tecnologia orientati al consumatore come Apple, Amazon, Alphabet e Facebook potrebbero essere i futuri distributori che guideranno la riprogettazione fondamentale dell’assistenza sanitaria.

1. L’assistenza sanitaria è matura per la trasformazione digitale.

Molte società tecnologiche, sopratutto quelle che offrono spazi social hanno a disposizione enormi quantità di dati dei loro clienti, perchè non farli diventare anche pazienti. L’infrastruttura digitale esiste, manca quel passaggio che permetta a queste piattaforme di interagire con medici, ospedali e assistenti sanitari per condividere le informazioni in modo che anche il paziente sia coinvolto telematicamente senza dover avere un montagna di documenti o presentarsi per richiedere una visita specialistica.

Immaginate di attivare funzionalità comuni in altri settori, come la trasparenza dei prezzi, registrazioni dei pazienti e le valutazioni dei fornitori fino all’assistenza sanitaria. Immaginate di applicare la tele-presenza e l’intelligenza artificiale per far fronte alla carenza di medici e migliorare l’accesso alle cure. Le società di tecnologia stanno portando capacità analoghe ad altri settori dell’economia.

2. le società tecnologiche hanno capacità, credibilità, relazioni con i clienti e denaro.

Esistono già giganti tecnologici nel settore sanitario, come Cerner, Epic, GE e Oracle. Ma le loro controparti tecnologiche offrono una maggiore esperienza nelle tecnologie emergenti, tra cui social network, dispositivi mobili, esperienza utente, Internet of Things e intelligenza artificiale. Le aziende di tecnologia di consumo hanno anche un grande riconoscimento del marchio e relazioni esistenti con pazienti e operatori sanitari che potrebbero accelerare l’adozione.

Esiste ancheu n aspetto economico non indifferente che va tenuto in considerazioni, Alphabet potrebbe comprare Cerner 20 volte e con una acquisizione avere a disposizione i suoi dati con quelli di una società già inserita nel settore sanitario. Un bel vantaggio. Aziende come Facebook, Apple o Amazon, hanno fondi e capitalizzazioni sufficienti per espandersi senza troppe pretese.

società hi tech sanità online, apple, facebook, socia network, internet delle cose, intelligenza artificiale

3. Il mercato è talmente ampio che c’è spazio per tutti.

Diamo qualche numero, il valore stimato per la spesa sanitaria annua negli Stati Uniti si aggira intorno ai 3.2 trilioni di dollari. Se pensiamo ai rispettivi mercati delle aziende tech social networking, sono nulla a confronto a questa massa di denaro spesa ogni anno. Apple con i suoi telefoni è ridicola di fronte ad una tale scommessa, per non parlare degli introiti di Facebook o Google. Amazon con le vendite si sta già muovendo in quella direzione ma è lontana anni luce.

4. Partire da zero a volte è un vantaggio

Oltre alle opportunità e alle capacità, le società citate finora hanno pochi conflitti di interesse nel settore sanitario. Non hanno clienti aziendali esistenti da placare, sistemi legacy da aggiornare o modelli aziendali da proteggere. Una fondamentale disconnessione nell’assistenza sanitaria è che il paziente non è il cliente. Ciò porta ad una dinamica malsana, ma una grande opportunità per un nuovo modo di pensare.

L’attenzione si è concentrata sulla realizzazione di prodotti che possono essere rimborsati attraverso le compagnie assicurative, attraverso Medicare o Medicaid. E così in qualche modo si porta una visione totalmente nuova nel settore per aiutare il paziente.

5. L’accesso all’assistenza sanitaria offre potenziali sinergie con le imprese esistenti.

Punto finale ma pur sempre importantissimo, ognuna delle aziende citate ha delle una sua caratteristica peculiare capace di fornire un vantaggio nel settore sanitario. pensiamo a Google e al suo motore di ricerca, alla tecnologia di Apple, la distribuzione di Amazon, l’interazione di Facebook. Pazzesche ed uniche nel loro genere. Allo stesso tempo, entrare in questo business potrebbe rafforzare modelli di business esistenti molto redditizi, come il business di dispositivi e app store di Apple. La prospettiva di guidare semplicemente la crescita in quei core business giustifica il tempo e le risorse necessarie per entrare nel settore.

Amazon secondo il mio punto di vista è la più avvantaggiata. Da un tradizionale punto di vista industriale, potrebbe sembrare poco sensato che Amazon entri nel sistema sanitario. È un settore lento e regolamentato con concorrenti trincerati ed enormi ostacoli. Ma Amazon non ha mai prestato molta attenzione ai confini del settore o ai competitors. Amazon affronta la competizione come una battaglia senza esclusione di colpi e possiede una maggiore quota di portafogli clienti paganti. È difficile trovare un segmento più grande nel quale coltivare e acquisire una maggiore quota di profitti.

mercoledì 29 novembre 2017

Alcune ottime azioni da acquistare dopo la caduta

Lo S&P500 sta avendo il suo terzo miglior anno nell’ultimo decennio, il che è sorprendente se pensi che entreremo nel decimo anno del mercato rialzista a marzo. È una grande indicazione che la crisi finanziaria del 2008 è chiaramente nello specchietto retrovisore, rendendo molto difficile trovare titoli a buon mercato da acquistare.

Con lo S&P500 in crescita del 16% da inizio anno è sempre più difficile trovare azioni interessanti, come per esempio General Electric – in calo del 42% in un anno. Il nuovo CEO di GE, John Flannery, ha ottenuto il suo incarico e comincerà nel 2018. L’amministratore delegato dice che si concentrerà su assistenza sanitaria, aviazione ed energia per far uscire il conglomerato industriale dall’abitudinarietà pluriennale che sta vivendo. Il piano è abbastanza buono da indurmi a nominare GE una dei miei titoli da acquistare dopo la caduta.

Di seguito ci sono alcune società che ho esaminato personalmente, confrontandomi anche con analisti di alcune società importanti come JPM, Craig Ellis e altre. Queste società sono crollate e tutte hanno in comune un denominatore, sono in fase di cambiamento. Secondo il mio punto di vista, sono delle ottime occasioni per i prossimi anni.

Foot Locker (FL)
Foot Locker è un rivenditore di scarpe e abbigliamento per atleti, opera principalmente tramite i suoi 3.369 negozi negli Stati Uniti, Canada, Europa, Australia e Nuova Zelanda. I suoi negozi offrono prodotti di per prestazioni atletiche, prodotti principalmente per atletica. Le sue categorie di prodotto includono calzature, abbigliamento e accessori, oltre un assortimento di strumenti per atleti. I principali clienti sono giovani che cercano stili di moda con ispirazione street.

Sembra solo ieri che Ken Hicks, ex CEO di Foot Locker stava parlando del turnaround che aveva eseguito con successo nel corso di tre anni tra il 2009 e il 2012. Il titolo nel suo periodo è salito del 341%, con vendite alle stelle e sempre ottime trimestrali. Poi il calo, drastico nel 2017, -61%, portando il prezzo dell’azione proprio ai livelli quando Hicks lasciò l’azienda. Il nuovo CEO, Dick Johnson, non ha potuto dire le stesse cose, ma si è trovato di fronte una nave che perdeva acqua, con terribili situazioni, tagli da eseguire e la conseguente caduta del titolo, sono sicuro però che il nuovo CEO riuscirà nell’intento di riportare la società ad antichi fasti.

migliori azioni 2018, azioni dopo la caduta, foot locker, settore abbigliamento

Advance Auto Parts (AAP)
Advance Auto Parts è un rivenditore del settore automobilistico di ricambi non originali, accessori, batterie e componenti per la manutenzione che opera principalmente all’interno degli Stati Uniti. I negozi della società hanno una linea di prodotti per auto, furgoni, SUV e autocarri leggeri.

La società, attraverso i suoi 5200 negozi sta vivendo un anno difficile. Le sue azioni infatti sono scese di quasi il 47%, con solo cinque settimane rimanenti nell’anno. La storia della compagnia ha preso una piega interessante però lo scorso 14 novembre, quando ha annunciato guadagni del terzo trimestre che hanno battuto le stime degli analisti di 22 centesimi, inviando il titolo sul del 16% in una giornata di trading.

Ora, non corriamo troppo. I guadagni per azione della società di $1,43 erano ancora 30 centesimi in meno rispetto allo scorso anno, ma è un inizio. Guardando le prospettive della compagnia per il 2017, si prevede che generino un minimo di $300 milioni di flusso di cassa per l’intero l’anno, non alto come i $600 milioni di flusso di cassa del 2011. Ma comunque un dato positivo.

Basta osservare le metriche di valutazione per sapere che il titolo è più economico di quanto non sia stato negli ultimi cinque anni. Con un debito a lungo termine di $1 miliardo o il 15% della sua capitalizzazione di mercato e un solido bilancio.

advance auto parts, auto ricambi, settori automotive, migliori titoli 2018, aap, discesa titolo, analisi tecnica

Ulta Beauty (ULTA)
Ulta Salon Cosmetics and Fragrance gestisce negozi specializzati al dettaglio che vendono prodotti cosmetici, profumi, cura dei capelli e della pelle e relativi accessori/servizi. I negozi sono inoltre dotati di saloni. A partire dal 1 Gennaio 2017, la società ha operato in 974 negozi in 48 stati. Opera a servizio completo in tutti i saloni dei suoi negozi.

Il crollo di ULTA è scattato a giugno, causando il calo del titolo sotto i $300. La discesa è durata fino ad un -40%. Abbiamo massima fiducia nel CEO Mary Dillon – uno dei 20 migliori imprenditori della rivista Fortune del 2017. Non è mai facile assumere un gigante del settore come Sephora, ma è esattamente ciò che stanno facendo Dillon e la compagnia, con grande successo, potrei aggiungere.

Gli investitori sono scettici sul fatto che Ulta possa continuare a crescere al ritmo attuale – nel secondo la crescita delle vendite per negozio (ROI) è stato del +11,7%, dopo un guadagno del +14,4% nel secondo trimestre 2016 – ma la società non ha esplorato l’espansione internazionale in posti come il Canada dove l’unica vera concorrenza è Sephora e Shoppers Drug Mart.

L’azienda sta anche cercando di catturare una fetta più grande di cosmetici più costosi; i grandi magazzini continueranno a perdere quote di mercato rispetto Ulta. Dal punto di vista della valutazione, ULTA è più economica di quanto non sia stata negli ultimi cinque anni e questo sta è davvero interessante in un periodo di mercato toro.

ulta beauty, settore cosmesi, pil america, migliori azioni 2018, quali azioni comprare

lunedì 20 novembre 2017

Domino Solutions: Leonardo conviene anche a questi prezzi?

Leonardo (LDO.MI) è un’azienda italiana attiva nei settori della difesa, dell’aerospazio e della sicurezza. Il suo maggiore azionista è il Ministero dell’economia e delle finanze italiano, che possiede una quota di circa il 30%. Leonardo-Finmeccanica è il nome con cui si è identificata Finmeccanica a partire da aprile 2016. L’azienda ha successivamente modificato la sua denominazione sociale in Leonardo S.p.A. dal 1º gennaio 2017, a seguito dell’approvazione del cambio di denominazione sociale da parte del Consiglio di Amministrazione dell’Azienda, avvenuta nell’aprile 2016.

Nel 1948 l’IRI costituisce la Società Finanziaria Meccanica Finmeccanica per gestire le partecipazioni nell’industria meccanica e cantieristica acquisite dall’IRI nei primi quindici anni di vita. Tra le aziende acquisite figurano nomi illustri, quali Ansaldo, San Giorgio, Alfa Romeo, Navalmeccanica, Sant’Eustacchio. Nel 1959 l’IRI costituisce la Fincantieri nella quale confluiscono le aziende cantieristiche scorporate da Finmeccanica.

Il taglio delle stime fanno crollare il prezzo

Nel terzo trimestre 2017 il gruppo ha registrato ordini pari a 2.84 milioni, in crescita del 9,4% su base annua. I ricavi sono aumentati dell’1,4% a 2.658 milioni, cui però è corrisposta una netta flessione della redditività soprattutto a causa delle difficoltà nel settore degli elicotteri. L’Ebita è diminuito del 19,3% a 221 milioni, con una marginalità all’8,3% (-210 basis points), mentre l’Ebit è sceso del 26,3% a 171 milioni, con un ros al 6,4% (-240 basis points).

Il risultato netto ordinario è crollato del 45,5% a 78 milioni, mentre l’indebitamento finanziario netto, rispetto al 30 giugno 2017, è aumentato di circa 420 milioni a 4 miliardi dopo un free operating cash flow negativo per 441 milioni. Pertanto il management ha rivisto al ribasso la guidance 2017, prevedendo ora ricavi per circa 11,5-12 miliardi (da circa 12 miliardi), un Ebita di 1,05-1,1 miliardi (da 1,25-1,3 miliardi), un free cash operating cash flow pari a 500-600 milioni e un indebitamento netto di circa 2,5 miliardi.

taglia outlook 2017 dopo i conti del 3q e affonda in borsa

Conviene acquistare le azioni?

In borsa il crollo di un titolo non può durare sempre, è al pari vero che la quotazione Leonardo sta attraversando una fase delicatissima. La prima di Ottava, infatti, si è chiusa con il prezzo delle azioni Leonardo ai minimi da un anno e anche su Borsa Italiana oggi la quotazione dell’ex Finmeccanica sta segnando un calo vicino un supporto davvero importante, i 10 Euro. Il prezzo delle azioni della società di Profumo è sceso a 10,07 euro portando la performance mensile su un rosso del 35%.

Con una mossa a sorpresa però, gli esperti di Banca Akros hanno rivisto al rialzo il rating su Leonardo. Gli analisti hanno portato la loro raccomandazione sull’ex Finmeccanica a buy con target price a 14,25 euro. Per Banca Akros, quindi, le azioni Leonardo sono da comprare poiché molto presto le quotazioni del titolo potrebbero risalire e recuperare i recenti forti cali.

Una presa di posizione come quella di Banca Akros non rappresenta una nuvola a ciel sereno. Molto spesso, infatti, quando un titolo è nel pieno di una ondata ribassista, arriva sempre il report dell’analista ottimista di turno che invita a comprare semplicemente perchè il calo della società non può durare in eterno.

Noi continuiamo a pensare che il titolo scenderà, i futures, i cfd e gli strumenti short sono ancora troppo forti, se poi aggiungiamo un periodo di mercato non idilliaco, il calo è servito. Attendiamo la rottura dei 10 Euro per vedere se possa raggiungere gli 8.

Il futuro dell’azienda

Se il piano industriale dell’ex amministratore delegato è stato accolto con favore da analisti dell’Istituto Affari Internazionali, perché concentrava le attività core in una unica impresa più competitiva con una catena decisionale corta e accentrata al vertice, e i risultati sono stati salutati favorevolmente dai sindacati confederali, una forte critica era arrivata dal sindacato di base che ha denunciato la mancanza di una visione industriale, il processo accentratore dell’organizzazione del lavoro che ha provocato malfunzionamenti nel sistema della ex holding, il disinvestimento nei programmi civili per concentrarsi su quelli militari, e non da ultimo l’aver calcolato a bilancio l’intero importo della commessa EFA per il Kuwait non ancora interamente ricevuto.

Intanto in Spagna arriva il primo contratto per Thales Alenia Space nel segmento dei lanciatori. La joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%) ha sottoscritto un contratto con ArianeGroup, primo contraente per Ariane 6, per la progettazione, lo sviluppo, la qualifica e la produzione del trasmettitore telemetrico del nuovo lanciatore europeo.

Il trasmettitore telemetrico è responsabile della trasmissione a terra dei dati generati dal lanciatore per l’intera missione di lancio. Con questa mossa la società, dopo trent’anni di attività nel settore spaziale, partecipando alla messa in orbita di più di 400 satelliti, sonde e veicoli spaziali, mira ad espandere il proprio portafoglio prodotti in Spagna nel campo delle comunicazioni spaziali attraverso equipaggiamenti di nuova generazione.

lunedì 13 novembre 2017

Brexit, Theresa May tra due fuochi, arriva la sfiducia dai conservatori

Tutto è cominciato qualche settimana fa, alcuni conservatori in varie conferenze avevamo paventato l’idea di sfiduciare la May perchè “troppo morbida” sulla questione Brexit. Questo fine settimana è arrivato il colpo di grazie, oggi infatti, un gruppo di conservatori, membri del parlamento hanno accettato di firmare una lettera di sfiducia su Theresa May, primo ministro britannico.

Sul fronte valutario è soprattutto la sterlina a guadagnare la scena, segnando nuovi cali rispetto alle valute principali sulla scia della fase di debolezza che sta colpendo il governo di Theresa May, sotto attacchi per una serie di scandali legati a presunte molestie sessuali. Una relazione del The Sunday Times ha dichiarato che 40 deputati hanno accettato di firmare la lettera di sfiducia a causa di preoccupazioni riguardanti la gestione della Brexit di Mrs May.

PIL Inghilterra, azioni inglesi, cambio GBPEUR, azioni GBP

Geoff Yu, capo dell’Ufficio investimenti britannico presso la UBS Wealth Management, ha dichiarato che la sterlina è “probabilmente un’indicazione che esiste un accordo UE-UK, ma naturalmente un cambiamento improvviso nella traiettoria nel Regno Unito potrebbe politicamente deragliare tutto”. Probabilmente i conservatori non sono d’accordo con gli accordi presi dalla May con l’Unione Europa.

Quali saranno le ricadute economiche dell’addio inglese?

È certamente la domanda cui è più difficile rispondere. Il previsto declino dell’economia britannica è stato ad esempio finora compensato dal calo del valore della sterlina, che ha reso possibile una crescita del tasso di sviluppo economico. Più probabile invece che si avveri la previsione sulla decadenza di Londra come principale piazza finanziaria europea. Simbolica dell’attesa fuga dalla City è la scelta dei celebri Lloyd’s di aprire la loro prima sede Oltremanica. Altre piazze finanziarie, tra cui Milano, aspirano a trarre vantaggio dalla crisi della City. Per ora si contano quasi 20.000 persona licenziate al mese sotto i colpi di corporation che preferiscono sedi europee come Milano, Francoforte e Lussemburgo.

Sintomatica poi la scelta della sede dell’EMA, la società che regola i farmaci da vendere in Europa, tuttora con sede a Londra, con l’uscita dell’Inghilterra la sede dovrà essere spostata, è probabile a Milano nel nuovo Pirellone, questo sarebbe l’ennesimo duro colpo alla Gran Bretagna. l’EMA sarebbe il fulcro della farmacologia europea con un indotto immenso, Milano è pronta.

Il futuro della Sterlina

Il FTSE 100 di Londra, dal giorno della scelta degli inglesi di uscire dall’Europa, ha guadagnato il 25%, aiutato dalla libbra più debole, che ha reso le esportazioni del Regno Unito più competitive abbattendo i guadagni effettuati in valuta estera grazie al calo della sterlina. Lo stratega di cambio di Scotiabank, Qi Gao, ha collegato il movimento della moneta alla “crescente minaccia alla leadership di Theresa May”.

Se i dati macroeconomici non hanno ancora scontato l’evento Brexit – che d’altra parte non si è verificato – e la Borsa di Londra si è comportata positivamente, finora il conto della prospettiva di divorzio tra Londra e Bruxelles è stato pagato dalla sterlina (con i riflessi annessi e connessi sull’inflazione). Soltanto la lira turca, sulla soglia della guerra civile, ha performato peggio del pound.

Brexit, Theresa May, investire inghilterra, azioni europa, conservatori inglesi, primo ministro inglese

L’attivazione dell’Articolo 50 non giunge certo inattesa per i mercati. Nondimeno, crediamo che potrebbe causare una lieve perturbazione perché gli investitori torneranno a concentrarsi sulla realtà della Brexit e sulle implicazioni, la sterlina potrebbe indebolirsi ancora, con implicazioni sulle obbligazioni e sui prestiti denominati nella valuta britannica. Quel che sembra certo è che per i prossimi due anni di negoziati la volatilità farà da padrona.

Oltre che sulla moneta, in futuro rischia di ribaltarsi su tutta la struttura produttiva britannica: un recente studio del Ceps per il Parlamento europeo dice che l’uscita del Regno Unito dall’Unione significherebbe un punto di Pil in meno all’anno, mentre i 27 dell’Unione rischiano complessivamente mezzo punto spalmato su due anni.

L’Unione europea sta preparando dei piani da attuare in caso di fallimento dei negoziati sulla Brexit e di un’uscita del Regno dalla Ue senza accordo. Lo ha rivelato il capo negoziatore europeo Michel Barnier in un’intervista al francese Journal du Dimanche. Barnier ha sottolineato che l’opzione in questione non è certamente la sua preferita ma “è una possibilità” per la quale ci si deve preparare per tempo.